Marco Goran Romano solo exhibition
test-2.png

The Exhibition

exhibiotion_001.png
 

WUNDERKAMMER

ITA

Wunderkammer è un’espressione della lingua tedesca che significa camera delle meraviglie. L’esposizione prende in prestito il suo nome dalla pratica — diffusasi nel Cinquecento e sviluppatasi durante il corso dei successivi due secoli — portata avanti dalla nobiltà dell’epoca, che destinava intere stanze delle proprie abitazioni alla catalogazione e conservazione di oggetti dalle caratteristiche straordinarie, provenienti da tutto il mondo.

Con questo presupposto, le opere realizzate per questa esposizione, costituiscono una specie di viaggio all’interno dell’iperuranio dell’artista, il luogo in cui esistono le idee immanenti che danno vita alle sue illustrazioni. Marco Goran Romano, vestendo i panni di un collezionista cinquecentesco, apre a tutti le porte della sua personale wunderkammer. Prende lo spettatore per mano e lo guida negli angoli più reconditi della sua mente, rendendolo partecipe
di un’esperienza onirica e personale.

La mostra è pensata come un progetto artistico itinerante che, tappa dopo tappa, si arricchirà di nuove opere. È stata presentata
per la prima volta al pubblico a gennaio durante il FRESH Festival di Lugano (CH), negli spazi del Teatro FOCE.

ENG

Wunderkammer is a German expression for cabinet of curiosities. The exhibition takes the name from the praxis — spread during the sixteenth century and evolved during the next two centuries — carried on by the aristocracy, who consecrated whole rooms to cataloguing and recording unique objects from around the world.


However, the artworks designed for this exhibition, can be seen as a travel through the artist’s hyperuranion: the place where immanent ideas give life to his illustrations.
Marco Goran Romano, playing the role of the Renaissance collector, open the doors to his personal “Wunderkammer”. He brings the viewer to the farthest corners of his mind and makes him an active subject of this dreamlike experience.


The exhibition is conceived as a traveling artistic project: new artworks will be added on each stage.
It was rolled out in January 2018 during FRESH Festival in Lugano (CH) at Teatro FOCE.